Alternanza Scuola Lavoro

Home Servizi alle aziende Alternanza Scuola Lavoro

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO - ITI

L’alternanza scuola lavoro è un progetto curriculare, promosso dal MIUR, pensato per affiancare alla formazione scolastica degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado una prima e fondamentale esperienza pratica e formativa nel mondo del lavoro presso enti pubblici o privati. L’alternanza scuola lavoro, che nello specifico si chiama PCTO, acronimo per “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento” è un sistema di studio che consente agli studenti di scuola superiore con almeno 15 anno di prestare servizio presso un’azienda o un ente della Pubblica Amministrazione. In questo modo lo studente entra già nel mondo del lavoro, ha la possibilità di una formazione pratica, di un’esperienza di lavoro reale e non solo sui libri. L’alternanza scuola lavoro è quindi un momento di preparazione che unisce studio teorico a esperienza pratica in azienda, allo scopo di arricchire le competenze acquisite sui libri con un’esperienza extrascolastica e aumentare il senso di responsabilità del ragazzo.

Tali percorsi di PCTO possono essere svolti sia durante l’anno scolastico in corso, nell’orario di lezione, sia durante i periodi di vacanza. Le studentesse e gli studenti coinvolti, attraverso la mediazione del loro tutor scolastico, sceglieranno il percorso di PCTO più adatto a loro e una volta firmato il Patto formativo, documento con cui la studentessa o lo studente si impegna a rispettare determinate norme dell’azienda ospitante e a svolgere le attività secondo i tempi e le modalità previste, intraprenderanno attività di preparazione al mondo professionale in ambienti adeguati e sicuri, supportati da un tutor dell’azienda ospitante che illustrerà loro gli eventuali rischi legati alle attività svolte. Alla fine del percorso, inoltre, verrà data l’opportunità di esprimere una valutazione personale sull’efficacia dello stesso e sull’acquisizione delle competenze tipiche dell’indirizzo di studi prescelto e delle competenze trasversali sviluppate attraverso la metodologia dell’Alternanza scuola lavoro. Oltre a ciò anche la scuola e la struttura ospitante valuteranno l’operato dello studente fornendogli un Certificato delle competenze che attesti i livelli d’apprendimento raggiunti.

Contattando l’ufficio Lavoro è possibile proporsi come azienda ospitante, organizzare incontri ed ideare dei percorsi di alternanza e delle progettualità ad hoc, così da rendere unica l’esperienza sia per i ragazzi che per l’azienda.

STAGE E TIROCINI PROFESSIONALI – CFP: Stage e Tirocini

L’Ufficio Lavoro offre la possibilità di tirocini formativi alle aziende disponibili ad accompagnare gli allievi del CFP in un percorso formativo/lavorativo. Lo scopo del tirocinio formativo è quello di:

  • scambiare conoscenze e trasferire know-how tra il mondo della scuola e quello del lavoro
  • negli ultimi anni di corso, adeguare le competenze degli studenti agli specifici fabbisogni aziendali, per eventuali inserimenti lavorativi

Gli stage (tirocini formativi) e l’alternanza scuola-lavoro vengono realizzati secondo i calendari annuali delle lezioni, definiti all’inizio di ogni annualità e nel rispetto delle percentuali di Regione Marche.

Sei interessato ad ospitare presso la tua azienda un giovane in tirocinio, l’E.N.D.O.F.A.P FANO è soggetto Promotore e Certificatore autorizzato dalla Regione Marche.

Per poter ospitare un tirocinante l’azienda/ente deve:

●      Stipulare la convenzione per tirocini con il Polo Don Orione, l’offerta può essere ad personam nel caso lo studente sia già stato individuato, oppure dedicata a uno o più corsi di studio nel caso si stia cercando candidati.

La durata di un singolo tirocinio è determinata dal numero di ore previste nel progetto formativo e può svolgersi nell’arco temporale indicato nel registro presenze.

●      Coperture assicurative e trasferte Il Polo Don Orione garantisce le coperture assicurative infortuni e responsabilità civile verso terzi esclusivamente per il periodo approvato e riportato nel registro presenze. Per ottenere l’estensione della copertura assicurativa in caso di trasferte presso sedi o strutture non indicate nel programma di tirocinio già approvato, queste vanno comunicate preventivamente alla Direzione che le deve autorizzare.

●      Cosa fare al termine del tirocinio Raggiunto il monte ore previsto per il tirocinio, il Tutor del Soggetto Ospitante deve:

●      firmare il registro presenze dello studente per attestare le ore di tirocinio svolte;

●      compilare il questionario di fine tirocinio.

Contattando l’ufficio Lavoro è possibile proporsi come azienda ospitante, organizzare incontri ed ideare dei percorsi di alternanza e delle progettualità ad hoc, così da rendere unica l’esperienza sia per i ragazzi che per l’azienda.